Abbiamo aggiornato l'informativa privacy in linea con le novità introdotte dal Regolamento UE 2016/679 (GDPR).   Per saperne di più clicca qui.
 

Il 28/02/2019
CINETEATRO SAN GIUSEPPE
NEL TEMPO DEGLI DEI-IL CALZOLAIO...
regia di Gabriele Vacis
con Marco Paolini
Ulisse, pi√Ļ lo conosci e pi√Ļ ti porta lontano: e la distanza √® la condizione essenziale per comprenderlo e cantarlo. Perch√® di questo si tratta: un canto. Forse il canto. Antico di quasi tremila anni, passato di bocca in bocca, e di anima in anima. Questa √® la storia dell'Occidente, e tutto contiene: dal primo istante, quando nulla esisteva, e un giorno cominci√≤ a esistere, a partire proprio da quelle misteriose, ambigue capricciosissime entit√† che questa storia muovono: gli dei. Perch√© questa √® una storia di dei, mostri, uomini e guerrieri. E il perno √® Ulisse, ed √® obbligatorio partire dall'inizio, da Itaca. Ulisse √® diverso dagli altri condottieri: non √® un combattente invincibile e conosce la paura, lui sa pensare. Con la sua mente sa sfuggire alle trappole e abbattere gli ostacoli che trova sulla sua strada. Questo √® Ulisse: un eroe che non si spegne mai. Non nei vent'anni di guerra e dell'impossibile ritorno. Non negli anni dopo, con le sue nuove disavventure. E nemmeno dopo la sua morte, surreale bella e commovente. E se da 2800 anni sentiamo l'irresistibile desiderio di cantarne le gesta un motivo ci deve essere e il motivo sta proprio nel canto: perch√© questa storia incanta. E incanta per primo proprio Ulisse. Nell'ultima tappa delle sue peregrinazioni, Ulisse ascolta l'aedo e piange. Alcinoo, re dei Feaci, si accorge del pianto del guerriero: perch√© tutta quella sofferenza? perch√© dieci anni di guerra inutile, dieci anni senza riuscire a tornare? perch√© i posteri avessero il canto, √® la risposta di Alcinoo: dono immenso per tutta l'umanit√† che non ha mai smesso di goderne.
Febbraio
28
Gio
Spettacolo alle Ore 21:00